Vesuvio

Scrigni Vesuviani: Wesuvio e il suo scrigno

Scigni Vesuviani: Wesuvio e il suo scrigno
Written by Maria

Ti ho raccontato il progetto Scrigni Vesuviani: luoghi e percorsi insoliti alle falde del vulcano, nato dalla collaborazione di diverse organizzazioni che operano nell’area vesuviana, ora conosciamo meglio queste realtà che si impegnano per promuovere e valorizzare il territorio.
Partiamo dall’associazione Wesuvio promotore del progetto e anima pulsante di energia vesuviana…

Presenta la tua associazione.. chi siete e di cosa vi occupate?

wesuvio.itWesuvio nasce nel 2013 a Torre del Greco. Il progetto prende spunto dalla convinzione fortemente radicata nei soci fondatori, circa l’esistenza di grandi potenzialità e risorse storiche, ambientali, culturali e di capitale umano presenti sul territorio vesuviano. Crediamo che tali risorse rappresentino, oggi più che mai, anche in considerazione dei grandi mutamenti in atto nel mondo globale ormai costantemente in rete, un’occasione propizia da sfruttare per lavorare affinchè possano emergere le forze vive e innovative della nostra realtà. Obiettivo primario è lo sviluppo di una rete nella quale possano interagire efficacemente cittadini, associazioni, professioni, mondo imprenditoriale e istituzioni per far emergere i punti di forza del nostro territorio e rappresentarli efficacemente all’esterno, in un ottica di marketing territoriale che possa essere parte di una più ampia strategia per rendere la nostra parte di mondo appetibile turisticamente e culturalmente all’esterno.
L’attività di Wesuvio è ampia e spazia dall’organizzazione di eventi culturali alla promozione, attraverso i moderni canali di comunicazione delle eccellenze vesuviane.

Con quale iniziativa avete aderito al progetto Scrigni Vesuviani per il mese di Maggio? Raccontaci del vostro “Scrigno”

Wesuvio partecipa a Scrigni Vesuviani con l’apertura e le visite guidate del sito di Santa Maria del Principio a Torre del Greco, chiesa ottocentesca che conserva nel suo ventre i resti dell’antica chiesa travolta dall’eruzione vulcanica del 1794 con l’affresco dell’altare centrale, raffigurante la Madonna del Principio, praticamente scavalcato dalla lava e rimasto visibile quasi intatto; un luogo di straordinaria suggestione  dove si intrecciano fede e storia, scienza e mistero. La nostra associazione, in collaborazione costante con il parroco, ha iniziato un lavoro di rilancio del sito al fine di farlo conoscere ad un pubblico sempre più vasto, con l’obiettivo di attirare anche i flussi turistici sempre alla ricerca di mete non convenzionali e di alto valore storico ed artistico. Inoltre, questo progetto  è finalizzato anche alla raccolta di fondi per il restauro conservativo dell’affresco stesso che, ad oggi, risulta urgente.

Cosa pensi del progetto “Scrigni Vesuviani” ? Quale opportunità può portare alla vostra associazione?

Scrigni Vesuviani

Scrigni Vesuviani

Scrigni Vesuviani  racchiude in sé una grande sfida: il dialogo e la cooperazione tra realtà vesuviane.  E’ un progetto di ampio respiro che vuole essere l’input per lo sviluppo futuro di iniziative condivise e partecipate da chi ha a cuore la crescita del nostro straordinario territorio; è un’occasione unica di scambio di idee tra persone che vivono quotidianamente la difficoltà e allo stesso tempo la soddisfazione di contribuire alla salvaguardia dei grandi tesori, talvolta troppo nascosti, dell’area vesuviana. Inoltre, la vocazione social dell’iniziativa è l’occasione per aprire le porte degli scrigni al grande popolo del web e per sfruttare le grandi opportunità offerte dalle nuove tecnologie di comunicazione.
Scrigni Vesuviani rappresenta per Wesuvio l’occasione importante di proseguire l’opera di promozione di un network vesuviano e la possibilità di far conoscere in modo più ampio le tante attività svolte, coinvolgendo anche nuove forze nel progetto.

Avete attivato ulteriori iniziative per creare rete con altre realtà del territorio?

Fin dall’inizio il nostro percorso è stato improntato alla collaborazione ed al dialogo con altre associazioni. Ne citiamo una per tutte: la realizzazione, insieme ad altre associazioni,  di “Torre Porte Aperte”, nel maggio del 2014, un itinerario tra i tesori artistici e storici di Torre del Greco. Proprio da questa iniziativa, e dalla voglia di allargare il concetto alla base di essa all’intera area vesuviana, nasce l’idea di Scrigni Vesuviani.

Consiglia ai nostri lettori uno Scrigno Vesuviano (oltre al vostro ovviamente) che non devono perdersi…

Consigliamo una visita ad un luogo che ci ha colpito per l’atmosfera intima che si respira: è la “Casa di Massimo Troisi” a San Giorgio a Cremano, dove vi accoglieranno i promotori dell’omonima associazione nata da poco per ricordare il grandissimo artista vesuviano e per condurre il pubblico nel suo mondo attraverso alcuni oggetti e immagini che ripercorrono la sua storia. Un luogo che a differenza delle tante proposte in rassegna, è nato da pochissimo, ma che può essere considerato uno scrigno vero e proprio, con sede all’interno di una tra le più belle ville vesuviane, Villa Bruno; a completare lo scenario la vicinissima Villa Vannucchi con i suoi splendidi giardini. Quale migliore occasione quindi per visitare anche queste perle incastonate in quella che è la famosissima zona del “Miglio d’oro”, vero e proprio museo a cielo aperto.

Ringrazio Ciro Langella, presidente dell’associazione Wesuvio.
Puoi contattare l’associazione Wesuvio sul sito ufficiale o su facebook.

Scrigni Vesuviani

Scrigni Vesuviani

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vademecum Pompei banner

PRIMA DI ANDARE VIA, PRENDI IL TUO REGALO!

EBook: Vademecum del Turista Perfetto per Pompei
L'indispensabile raccolta di informazioni e suggerimenti che DEVI sapere per organizzare la tua visita agli Scavi di Pompei

Riceverai tra poco una mail con il tuo omaggio.

 Se non ricevi la mail entro 10 minuti controlla nella cartella SPAM o PROMOZIONI del tuo account di posta.