Scavi di Pompei

Scavi di Pompei: quale percorso scegliere?

Ruins of Pompeii

Hai deciso di concederti una vacanza a Pompei per visitarne le bellezze, scoprine la storia, assaporarne l’essenza. L’anima di questa città sono gli scavi archeologici, e se hai deciso di soggiornare in città sono una tappa obbligata ma soprattutto imperdibile. Ma non puoi lasciarti guidare dal caso, giusto? In altre parole: quale percorso scegliere negli scavi di Pompei? Tutto dipende da quanto tempo hai a disposizione. Voglio darti un consiglio: a Pompei getta via l’orologio. Il tempo qui non esiste. Quando varcherai l’ingresso dell’antica Pompei, te ne accorgerai. E scoprirai che due ore da dedicare all’esplorazione degli scavi sono davvero poche, ma sta a te scegliere in base alle tue esigenze. Prima di lasciarti qualche informazione utile sugli itinerari da seguire all’interno dell’area archeologica voglio rinfrescarti la memoria con un po’ di storia.

Gli Scavi di Pompei

Casa del fauno

Ingresso della Casa del Fauno

Lo sapevi che gli Scavi sono patrimonio dell’UNESCO dal 1997? L’eccezionale stato di conservazione della città si deve alla terribile eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Cenere e lapilli seppellirono uomini e case sotto una spessa coltre di polveri a una profondità di circa 6 metri. Per 1700 anni Pompei rimase sepolta, cancellata dalla faccia della terra. Al riparo dalle intemperie del tempo, la forma dei corpi ancora intenti nelle loro attività quotidiane è rimasta intatta fino ai giorni nostri. I primi ritrovamenti di monete e oggetti avvennero a partire dal 1748 e si sono protratti sino al XX secolo con l’archeologo Amedeo Maiuri che realizzò una delle prime mappe dell’area archeologica. E ancora c’è da scoprire perché Pompei vive, non è mai morta, nuovi resti vengono riportati alla luce. Ogni anno attira oltre 2 milioni di persone e nel 2013 ne ha accolte ben 2.457.051, diventando il secondo sito italiano per numero di visitatori, preceduta da Roma. Per approfondire: un po’ di storia di PompeiHai ancora molte domande sugli Scavi di Pompei, vero? Qual è il percorso più interessante, il più breve o il più emozionante? Calmati, respira e scegli con attenzione il percorso più adatto alle tue esigenze e soprattutto al tuo tempo. Ecco 2 itinerari su misura per te. Un piccolo consiglio: indossa scarpe comode e porta con te una bottiglietta d’acqua. C’è da camminare, sei pronto?

Percorso breve

Questo primo itinerario ha una durata di circa 2 ore e tocca i principali luoghi della vita cittadina. Potrebbe essere la soluzione ideale se hai poco tempo o ti trovi a Pompei per lavoro. L’ingresso per questo itinerario si trova a piazza Anfiteatro che prende il nome appunto dal famoso Anfiteatro cittadino. Ecco cosa potrai visitare: Anfiteatro, Teatro grande e piccolo, Terme del Foro, Edifici della pubblica amministrazione, Basilica, Templi di Iside, Giove e Apollo, Santuario dei Lari Pubblici, Macellum, Lupanare, Casa del Fauno, Casa della Caccia antica.

Scarica Gratis Ebook Pompei

Percorso lungo

Questa passeggiata richiede circa sei ore, il mio consiglio è quello di scegliere il percorso più lungo e completo accedendo agli Scavi dall’ingresso di Porta Marina o da piazza Anfiteatro. Con questo lungo itinerario potrai ammirare con tranquillità tutti i punti di interesse della Pompei antica, godendo anche del paesaggio e immergendoti in un luogo senza tempo. Anche questo percorso si sviluppa intorno a via dell’Abbondanza. Attraverso questa lunga arteria potrai visitare: Anfiteatri, Necropoli, Orto dei fuggiaschi, Casa del giardino di Ercole – Teatro Grande e Piccolo, Terme Stabiane, Edificio di Eumachia, Edifici della pubblica amministrazione, Templi di Giove, Iside, Vespasiano, Foro triangolare, Tempio dorico, Tempio della fortuna Augusta, La casa dei Dioscuri, La Casa di Meleagro, La Casa della nave Europa, La casa del Larario di Achille, La Casa della fontana piccola, La Casa di Sallustio, Il Panificio, Villa dei misteri. Ecco qualche informazione sui monumenti più importanti da visitare:

L’Anfiteatro

Seguendo la strada principale, una volta superato l’ingresso, troverai l’Anfiteatro lungo il cammino. Sapevi che questa costruzione è forse la più antica del mondo? Risale all’80 a.C., fu arena di sanguinosi scontri tra gladiatori, e può accogliere ben 20.000 spettatori. Sei rimasto senza fiato vero? Nel 1971 i Pink Floyd registrarono un concerto senza pubblico proprio in questo luogo senza tempo. Live at Pompei è una delle pagine più belle della musica Rock.

Teatro grande e piccolo

Alla fine della strada che costeggia l’Anfiteatro ti collegherai a via dell’Abbondanza, la strada più importante del paese, da cui si snodano tutte le altre. Percorrendola potrai raggiungere altri due punti di interesse: il Teatro Grande e il Teatro Piccolo, entrambi collegati tra loro. Il Teatro Grande oggi è ancora molto attivo, fu costruito nel II secolo a.C  e può ospitare ben 5.000 spettatori.
Una curiosità: proprio in questo luogo venivano messe in scena le commedie di Plauto e Terenzio. Il Teatro Piccolo invece veniva usato prevalentemente per spettacoli musicali. Successivamente ritornando su via dell’Abbondanza potrai raggiungere il Foro.

Il Foro

Vero è proprio cuore di Pompei antica, questa imponente piazza ospitava edifici pubblici, commerci e faceva da cornice ai dibattiti politici. Qui avrai la sensazione di sentirti davvero un cittadino di un’altra epoca.  La zona che circonda il Foro è ricca di edifici  da visitare.

Le Lupanare e le antiche domus

Troverai a pochi passi: la Basilica, il tempio di Giove, Apollo e il Santuario dei Lari Pubblici situato a Est del Foro e tra il Macellum e il tempio di Vespasiano. Via della Abbondanza si collega a numerose strade secondarie dal Foro girando a destra potrai vistare le Lupanare, prime case d’appuntamento risalenti all’epoca romana. Da qui puoi muoverti verso via degli Agustali e raggiungere  verso Nord in poco tempo la maestosa Casa del Fauno e la Casa della caccia antica. Come ti ho già anticipato, la visita agli Scavi richiede tempo. Due ore sono poche e bastano solo se vuoi concederti una breve visita: non rendono davvero giustizia a questi luoghi.

Orto dei fuggiaschi

Questo spazio coltivato è un luogo di grande suggestione, e non è un caso: qui, in questo angolo magico degli Scavi di pompei, potrai osservare i calchi di alcune vittime intente a fuggire dopo l’improvvisa eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

Edificio di Eumachia

Fu fatta costruire dalla sacerdotessa Eumachia, patrona dei lavandai. Le nicchie sulla fronte accoglievano statue della casa imperiale mentre l’interno è caratterizzato da un portico in colonnato. L’edificio era forse il mercato della lana o la sede della corporazione dei fullones.

Casa di Sallustio

Fu costruita nel II secolo a.C, questo edificio offre importanti elementi sullo sviluppo delle residenze che ospitavano le classi superiori. Si trova sul lato orientale della via Consolare e deve il suo nome all’iscrizione elettorale che sorge sulla facciata. Fu colpita da una bomba durante la II Guerra Mondiale e restaurata solo nel 1970. Costruita in blocchi di tufo, aveva sei botteghe nel lato occidentale e un corridoio di ingresso al centro.

Villa dei Misteri

Questa villa si trova leggermente fuori gli Scavi, mostra una serie di affreschi che raffigurano una donna che sta per essere iniziata al culto di Dioniso. Alcuni studiosi ritengono che la giovane ritratta sia invece preparata per il matrimonio. Su questo punto ci sono delle controversie. Si compone di oltre 70 ambienti, tutti decorati e affrescati. Se ami il mistero questo è il posto giusto per te.

Sei arrivato su questo blog perchè probabilmente stai progettando una visita a Pompei e cerchi informazioni utili e/o consigli per programmare la tua vacanza ideale.
Puoi scaricare subito e gratuitamente la Guida PDF “Tourist KIT per Pompei” che ho preparato per te. Clicca qui sottoScarica Pdf Pompei

1 Commento

  • Abbiamo visitato Pompei e i suoi scavi , ne siamo rimasti allibiti di quanta storia in ogni sasso, colonna o masso, non ho parole per esprimere l’emozione …. abbiamo avuto una bravissima guida che con molta professionalità ci ha portato a vivere quei tempi, ci siamo promessi di ritornare per visitare anche Ercolano. Bepi e Anita di Treviso
    22- 24 maggio 2017

Hai bisogno di Informazioni o vuoi lasciare la tua opinione?

Vademecum Pompei - Banner

IN REGALO PER TE

L'indispensabile raccolta di informazioni e suggerimenti che DEVI sapere per organizzare la tua visita agli Scavi di Pompei

Riceverai tra poco una mail con il tuo omaggio.

 Se non ricevi la mail entro 10 minuti controlla nella cartella SPAM o PROMOZIONI del tuo account di posta.