Scavi di Pompei

“CAVE CANEM!”: La casa del poeta tragico a Pompei

Written by Ilaria

Ebbene no, non ci troviamo nella famosa trasmissione di Michele Santoro a dibattere di servizio pubblico con politici ed imprenditori italiani, non saremo costretti a tener testa ai comici satirici che ci sfidano a botta di arringhe pungenti, ma siamo davanti ad uno dei mosaici più famosi ed unici della storia: Cave Canem!  

Il famoso mosaico che ci avverte di fare Attenzione al cane si trova all’ingresso di una domus chiamata “Casa del poeta tragico“. L’accoglienza non è delle migliori, certo, ci incute un po’ di timore pensare che dal triclinium potrebbe spuntar fuori all’improvviso un cagnolino poco raccomandabile a darci il benvenuto! Ma non ci facciamo vincere dalla paura ed attraversiamo la porta principale.

La casa: grande bellezza in piccoli spazi

Tra le domus di Pompei, la Casa del Poeta tragico non è certamente tra le più ampie, ma nasconde nei suoi “umili” interni delle bellezze uniche – eh si, nella botte piccola buon vino!

[cml_media_alt id='5263']Sacrificio di Ifigenia[/cml_media_alt]

Sacrificio di Ifigenia

Riccamente e finemente decorata, questa dimora ospita alcune tra le più belle pitture del sito. Le pitture sono a soggetto mitologico e già nell’atrio d’ingresso troviamo delle spettacolari rappresentazioni, quali Zeus ed Hera Achille e Briseide.

Giunti nel peristilio si può ammirare in tutta la sua bellezza il Sacrificio di Ifigenia e, a mio avviso spettacolare, la vicenda di Alcesti, una storia d’amore tra le più belle e profonde della mitologia greca. Insomma, niente male per essere una modesta dimora a dispetto delle grandi Ville Pompeiane! E’ proprio vero che la più grande bellezza sta nelle cose piccole! 🙂

[cml_media_alt id='5265']La vicenda di Alcesti[/cml_media_alt]

Il mito di Admeto e Alcesti

Attenti al cane!

Oltre alle bellissime pitture, in questa domus troviamo degli spettacolari mosaici. Il nome stesso della casa deriva dall’emblema a mosaico del tablinium, rappresentante una prova teatrale di un coro satiresco. Questo mosaico, come molte altre bellezze pompeiane, è attualmente conservato al Museo Archeologico di Napoli.
Più celebre tra tutti i mosaici è quello del Cave Canem. Non è raro trovare in residenze antiche dei benestanti romani questo tipo di decorazione sull’uscio d’ingresso, ma la particolarità sta nella presenza del motto Cave Canem che è diventato proverbiale.

Ritroviamo questo monito anche nelle fonti letterarie, come nel simpatico episodio del Satyricon di Petronio, in cui il protagonista viene spaventato a morte dal grande cane dipinto. Nel caso del protagonista del racconto si trattava di un affresco, ma non è  detto che il fatto non si riferisse esattamente al nostro mosaico pompeiano.

Nella mia personale classifica delle più grandi bellezze di Pompei, questa si piazza molto in alto…ma non vi svelerò la mia classifica! Voi, piuttosto, quale pensate siano le più grandi bellezze di Pompei? Quali le vostre domus preferite?

A voi la risposta 😉

 

 

 

Ora un piccolo tour virtuale 🙂

 

 

 

Fonte immagini: google images

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vademecum Pompei banner

PRIMA DI ANDARE VIA, PRENDI IL TUO REGALO!

EBook: Vademecum del Turista Perfetto per Pompei
L'indispensabile raccolta di informazioni e suggerimenti che DEVI sapere per organizzare la tua visita agli Scavi di Pompei

Riceverai tra poco una mail con il tuo omaggio.

 Se non ricevi la mail entro 10 minuti controlla nella cartella SPAM o PROMOZIONI del tuo account di posta.