Mare Pompei

Cosa vedere ad Amalfi

Cosa vedere Ad Amalfi

Dopo Capri e Sorrento il nostro viaggio continua alla scoperta delle località di mare. Questa volta tocca ad Amalfi. Una delle più importanti repubbliche marinare nel Medioevo. Lo sapevi che la fondazione di questa piccola città della costiera del Golfo di Napoli ruota attorno a una leggenda? Ad un atto d’amore per la precisione. Si racconta che fu Ercole a dare il nome alla cittadina.

Si innamorò di una fanciulla chiamata proprio Amalfi. La donna però scomparve prematuramente e il Dio volle seppellirla in un luogo dove il mare avrebbe sempre abbracciato le spoglie mortali. Molto romantico non trovi? In ogni caso Amalfi è il capoluogo della Costiera Amalfitana, patrimonio dell’Unesco, famosa per le sue spiagge e case colorate. In questo articolo scoprirai cosa vedere ad Amalfi, meta turistica facilmente raggiungibile da Pompei.

Un po’ di storia

La storia di Amalfi risale ai tempi della dominazione romana e alla lotta contro i barbari. Ma il motivo della sua fama va ricercato nella sua posizione geografica, la città ha fatto del mare la sua attività più redditizia. I suoi commerci marittimi si spinsero in Egitto, Bisanzio e in tutti i paesi del Mediterraneo. Fu la prima repubblica marinara a ottenere l’indipendenza e a scrivere un proprio codice giuridico: le Tavole Amalfitane.

Questo fu il periodo d’oro di Amalfi, successivamente andò in declino a causa dei continui saccheggi da parte della repubblica marinara di Pisa e continuò ad indebolirsi per le continue inondazioni. Ritornò a nuova vita tra il ‘700 e l’800 con il Romanticismo. Già, Amalfi fu meta di viaggiatori stranieri attirati dalle sue bellezze naturali.

Monumenti e curiosità, passeggiata ad Amalfi

Cosa vedere ad Amalfi, ma soprattutto, come girarla? Amalfi non è molto grande, puoi tranquillamente percorrerla a piedi in poco tempo. Il tuo itinerario per conoscere la città può cominciare dalla parte bassa della città, quella che costeggia il mare per intenderci. Troverai un arco che conduce al centro storico, dopo arriverai nella piazza principale, piazza Duomo, in cui svetta in tutta la sua imponenza il Duomo di Amalfi.

In questa zona c’è una leggera salita che ti porterà nella parte alta della città. Lungo le caratteristiche stradine fermati in uno dei tanti ristoranti per assaporare le specialità del posto: vongole veraci fresche accompagnano i famosi scialatielli di Amalfi, rigorosamente fatti a mano.

Altro piatto tipico, la Minestra Maritata, buonissime le delizie al limone, un dessert che non dimenticherai facilmente. Voglio darti un piccolo consiglio se sei in cerca di doni da regalare ai tuoi cari: trova del tempo per fermarti in uno dei numerosi negozietti dedicati alla lavorazione della ceramica. Amalfi è famosa nel mondo per queste creazioni dai colori accesi. Puoi scegliere tra vasi, piatti e centrotavola, e se il viaggio di ritorno è lungo concentrati su oggetti di dimensioni più contenute.

duomo-amalfiIl Duomo di Amalfi

Cosa vedere ad Amalfi? Iniziamo con questo monumento. Il Duomo di Amalfi è conosciuto anche come cattedrale di S. Andrea, patrono del posto. Unisce due chiese che in precedenza erano separate, nel 1861 fu completamente ristrutturata in seguito al crollo del coronamento della facciata.

Il rifacimento della struttura ha cancellato le varie stratificazioni realizzate da diverse scuole scultoree per abbellire la cattedrale. Gli esperti ritengono che i lavori abbiano deturpato lo stile unico del monumento, una sorta di mosaico ricco di diverse influenze. Quindi l’immagine del Duomo amalfitano oggi è molto diversa da quella originale.

In ogni caso, la facciata presenta dei mosaici in stile bizantino che ti lasceranno stupefatto, il tuo sguardo si perderà tra mille colori mescolati tra loro da abili artigiani. L’interno invece è in stile barocco con il soffitto a cassettoni in oro. Per entrare dall’ingresso principale dovrai salire una lunga scala, ma non preoccuparti della fatica, sarai ricompensato da una meravigliosa vista dall’alto sull’intera città. Una foto ricordo è d’obbligo in questi casi.

Museo della carta

Un altro luogo da visitare ad Amalfi è il museo della carta, ti assicuro che una volta giunto lì vorrai scoprirne tutti i segreti. La carta di Amalfi è nota in tutto il modo per i materiali con cui viene prodotta: cellulosa mescolata a filamenti di lino e canapa. Particolarmente pregiata, in passato veniva usata per pubblicazioni importanti.

Il museo della carta è un ex cartiera trasformata in museo nel 1969 da Nicola Milano. Quest’ultimo era proprietario dell’immobile ed esperto conoscitore delle tecniche per fabbricare a mano la famosa carta di Amalfi. La struttura si trova nella zona interna della città, nella valle dei Mulini.

All’interno ci sono gli antichi macchinari che un tempo venivano usati per realizzare la carta di Amalfi. Potrai consultare anche una ricca biblioteca in cui sono custodite tutte le tecniche di produzione della carta e ammirare un’esposizione di fotografie e stampe documentaristiche.

Regata delle Repubbliche marinare

Se hai deciso di vistare Amalfi tra la fine di maggio e l’inizio di luglio potresti avere l’occasione di partecipare alla regata storica che vede sfidarsi tutte le ex repubbliche marinare. E’ una manifestazione itinerante che si svolge ogni anno a turno nelle città di Amalfi, Venezia, Genova e Pisa.

Per l’occasione sono rievocate situazioni tipiche dell’epoca con attori in costume. Sarà come fare un tuffo nel passato. Ancora una cosa: Amalfi è ricca di spiagge, molte sono dotate di parcheggio, le spiagge libere sono davvero poche. Ti conviene avviarti alle prime luci dell’alba, resterai incantato dall’acqua limpida e azzurra.

Come raggiungere Amalfi

In treno da Napoli: prendi la Circumvesuviana, ti fermati a Sorrento e raggiungi Amalfi con gli autobus della SITA diretti a Positano. Se sei in auto invece imbocca l’A3 e segui le indicazioni stradali. Via mare la Costiera Amalfitana è servita dalla Travelmar: 089 872050.

Cosa vedere ad Amalfi: la tua opinione

Amalfi è un piccolo gioiello incastonato tra le rocce della Costiera. Tu sei già stato ad Amalfi? Racconta la tua esperienza nei commenti e per i tuoi viaggi in Campania e a Pompei non dimenticare il nostro tourist kit, sempre con te a portata di click.

Fonte immagine

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vademecum Pompei banner

PRIMA DI ANDARE VIA, PRENDI IL TUO REGALO!

EBook: Vademecum del Turista Perfetto per Pompei
L'indispensabile raccolta di informazioni e suggerimenti che DEVI sapere per organizzare la tua visita agli Scavi di Pompei

Riceverai tra poco una mail con il tuo omaggio.

 Se non ricevi la mail entro 10 minuti controlla nella cartella SPAM o PROMOZIONI del tuo account di posta.