Mare Pompei

Cosa vedere a Maiori

cosa vedere a Maiori

Hai deciso di trascorrere le tue vacanze settembrine agli scavi di Pompei? Non hai saputo resistere al clima dolce e a quell’atmosfera quasi riservata che si respira solo in questo mese, vero? Quasi tutti sono rientrati a lavoro e tu puoi goderti in tutta tranquillità la bellezza di questa città alle falde del Vesuvio.

Il tuo sguardo però vola sempre verso la Costiera Amalfitana, precisamente a Maiori, piccolo gioiello abbracciato dal mare? Beh, raggiungila. Da Pompei è facile spostarsi verso le località di mare nel Golfo di Napoli. Basta anche un solo giorno per scoprire i tesori di questa cittadina dichiarata patrimonio dell’Unesco nel 1997.

Maiori tra antico e moderno

Maiori -il cui nome originario era Reghinna Majorha- ha un’atmosfera romantica, un’oasi di pace per l’anima dove il tempo non smette di scorrere. Vedrai ti ammalierà con i suoi panorami, i suoi monumenti e la sua spiaggia, la più lunga del tratto costiero.

Ancora non si conoscono con precisione i fondatori della città. Alcuni studiosi sostengono che siano stati i Greci, altri i Romani. C’è addirittura chi sostiene che la nascita di Maiori sia dovuta al principe longobardo Siccardo.

In ogni caso, Maiori è stata la scenografia prediletta del regista Roberto Rossellini, la città è apparsa come sfondo in molti capolavori che portano la sua firma tra cui Paisà, Amore e La macchina ammazzacattivi.

Alla scoperta dei monumenti

I monumenti più interessanti si trovano nel cuore del centro storico: al centro di corso Regina svetta il palazzo Mezzocapo, antica residenza del marchese Mezzocapo e attuale sede degli uffici comunali. L’ingresso è caratterizzato da scale in marmo che introducono ai piani superiori. Se ami l’arte fermati nelle stanze per ammirare gli affreschi del pittore Ludwing. Accanto all’entrata si trovano i giardini disposti a forma di croce.

C’è ancora molto da scoprire a Maiori, dai un’occhiata al Castello di San Nicola De Thoro-Plano. Questa enorme struttura con nove torri semi circolari risale al Medioevo e domina sull’intera città, fu costruita per difendere la città dagli assalti Longobardi. Il castello è circondato da una massiccia cinta muraria e all’interno ci sono feritoie, magazzini, cisterne e una chiesetta dedicata a S. Michele.

Altro monumento famoso per le sue dimensioni è la Colleggiata di Santa Maria a Mare sul Monte Torina. La chiesa risale al 1529 ma è stata restaurata più volte. Ospita la statua della Vergine salvata dalle acque, fu ritrovata sulla spiaggia di Maiori nel 1204.

Quest’opera fu rubata da Costantinopoli e gettata in mare per rendere più leggero il carico di un bastimento. Oggi la scultura si trova sull’altare maggiore del santuario e ogni 15 agosto si celebra una processione in suo onore. Invece il soffitto a cassettoni che ricopre la navata centrale è stato realizzato di Alessandro De Fulco, pittore napoletano.

Piccola curiosità: nella cripta sono custodite le spoglie di San Clemente. Ancora una cosa: fermati ad osservare il monumentale organo polifonico costruito da Zeno Fedeli.

Le bellezze della costa: La Grotta di Pandora

Lo so, ti immagini già disteso sulla spiaggia di Maiori a goderti il sole e qualche tuffo tra le acque limpide della Costiera Amalfitana. Quest’area è ricca di stabilimenti balneari e ristoranti. Se preferisci la spiaggia libera alle due estremità dell’arenile troverai degli spazi pubblici e anche un comodo parcheggio.

Ci sono anche delle località di mare più intime come la baia di Salicerchie e Cala Bellavaia. Anche le zona di Badia e Capo d’orso meritano una visita, percorse da gole e rocce dalle figure particolari. Ti consiglio di concederti un giro in barca e visitare la Grotta di Pandora a pochi passi da Maiori. Ti sorprenderà il suo mare smeraldo e le tante stalagmiti e stalattiti che arricchiscono le sue pareti millenarie.

Maiori a tavola

Tante sono le specialità tipiche che delizieranno il tuo palato. Assaggia la “menesta mmaretata”, un saporito incontro di mari e monti, oppure fave fresche e “fellate” di capicollo e soppressate. Non andare via da Maiori senza aver gustato le melenzane al cioccolato a cui è dedicata anche una sagra. Accompagna a questi piatti ai vini del posto: il Bianco Costa D’Amalfi o il Rosati. Vedrai, esalteranno le qualità dei piatti della tradizione.

Eventi a Maiori

Se ami il cinema non perderti il Premio Rossellini ad ottobre. La tua passione è il vino? Allora non puoi mancare alla manifestazione Wine and Music tra giugno e luglio: assaggerai tutte le prelibatezze tipiche della Campania accompagnate dal nettare degli dei più ricercato.
Oltre al cinema e al buon cibo, Maiori è anche musica. Musica jazz per la precisione, con la rassegna internazionale di Jazz on The Coast. Già, le strade della città diventano un palcoscenico a cielo aperto.

Come arrivare a Maiori

  • Da Napoli con il treno: prendi la Circumvesuviana presso la Stazione Centrale in piazza Garibaldi e fermati a Sorrento. Poi sali su uno dei pullman della SITA diretti a Maiori.
  • Da Napoli in auto: imbocca semplicemente l’A3, impiegherai poco più di un’ora per arrivare.
  • Da Pompei a Maiori in auto: percorri l’A3, ci vuole meno di un’ora.

La tua opinione

Dopo Capri, Anacapri e Sorrento, Maiori è un’altra località di mare tutta da scoprire. Cosa aspetti? Ancora una cosa: scarica il nostro tourist kit, la guida perfetta per orientarsi a Pompei e dintorni. Se invece hai già visitato Maiori racconta la tua esperienza nei commenti!

Fonte immagine

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vademecum Pompei banner

PRIMA DI ANDARE VIA, PRENDI IL TUO REGALO!

EBook: Vademecum del Turista Perfetto per Pompei
L'indispensabile raccolta di informazioni e suggerimenti che DEVI sapere per organizzare la tua visita agli Scavi di Pompei

Riceverai tra poco una mail con il tuo omaggio.

 Se non ricevi la mail entro 10 minuti controlla nella cartella SPAM o PROMOZIONI del tuo account di posta.