Food & Drink

Come fare il Limoncello di Sorrento

limoncello-di-sorrento
Written by Mariarosaria

Il limoncello è il famoso liquore campano dal caratteristico colore giallo o verde chiaro che evoca la tinta dei limoni con i quali viene prodotto.

Anche se a Sorrento si narra che la ricetta classica fosse già in uso da decenni e ad Amalfi qualcuno sostiene che si bevesse limoncello già ai tempi dei saraceni, a registrare il marchio fu Massimo Canale, imprenditore di Capri, che nel 1988 legalizzò la produzione artigianale basata su di un ricetta di inizio ‘900 della bisnonna, Maria Antonia Farace.

Limoni di Sorrento

Attualmente può essere denominato Limoncello solo ed esclusivamente il liquore ottenuto dai Limoni di Sorrento Igp, tipologia “Massese”, coltivati in Penisola Sorrentina e sull’isola di Capri. Questo particolare tipo di agrume, noto anche come Ovale di Sorrento per via della sua forma, si presenta con dimensioni più grosse rispetto alla media ed è caratterizzato dalla ricchezza di oli essenziali che, presenti nella spessa buccia giallo citrino, determinano aromi e sensazioni inimitabili.

Come fare il Limoncello

[row][two_column]La ricetta classica del limoncello prevede

  • 8 limoni biologici
  • 1 lt di alcool purissimo a 95°
  • 1 lt di acqua
  •  700 gr di zucchero.

Va da sé, che non essendoci molti fattori in gioco, per ottenere un risultato ottimale, è necessario puntare sulla qualità della materia prima. La proporzione tra gli ingredienti può variare in funzione del gusto personale e della ricetta di famiglia: aumentando o diminuendo la quantità di zucchero, per esempio, si avrà un liquore più o meno denso. Il procedimento per la preparazione del limoncello è molto più semplice di quanto possa leggersi qua e là su internet, ma va eseguito con attenzione.[/two_column][two_column]Occorre

  • Lavare scrupolosamente i limoni e sbucciarli con un pelapatate, avendo cura di evitare la parte bianca amara presente tra la buccia e la polpa
  • Riporre le scorze e l’alcool in un recipiente di vetro che può essere chiuso ermeticamente e lasciar riposare al buio per una settimana o dieci giorni
  • Filtrare il composto, per separarlo dalle bucce, con un colino o un panno di cotone ed aggiungere uno sciroppo ottenuto facendo sciogliere lo zucchero in acqua fredda o tiepida
  • Imbottigliare il liquore e conservarlo per un paio di giorni in freezer, perché il limoncello va consumato freddissimo![/two_column][/row]

Qualcuno, a questo punto, potrebbe chiedersi: cosa fare con la polpa dei limoni utilizzati per il limoncello? Beh, frutta candita o spremute e marmellate di agrumi non sarebbero male!

[info_box color=”blue” width=”100%” float=”left” text_align=”left”]La buccia del limone contiene una sostanza chimica, il limonene, che rappresenta un eccellente combustibile. Ragion per cui le scorze esauste dalla macerazione possono essere usate per accendere il fuoco nel camino.[/info_box] Qui potete trovare un’ altra valida ricetta per fare il limoncello.

Dove trovare un buon limoncello a Pompei ?

Acquistare o sorseggiare un limoncello a Pompei è molto semplice. Tutti i bar, i ristoranti e le pizzerie della zona lo propongono in menù e lo vendono in confezioni regalo. Nel valutare una bottiglia di limoncello non bisogna, però, cadere nell’errore comune di scartare quella in cui è visibile una patina verdognola tra il liquido e il tappo. Questo strato in sospensione, infatti, indica che siamo in presenza di un prodotto assolutamente naturale, al riparo da aromi artificiali e coloranti. Si può, inoltre, pensare di comprare in città tutti gli ingredienti per un limoncello fatto in casa: basta recarsi da uno dei tanti fruttivendoli presenti sul territorio e farsi consigliare sui prodotti da acquistare. Con un po’ di fortuna ti capiterà di fare la spesa insieme a qualche brava massaia che non esiterà a darti qualche dritta per ottenere un buonissimo liquore al limone.

Limoncello SPRITZ

Perché relegare il limoncello in una casta ristretta di digestivi e liquori da fine pasto? Se lo si considera al pari di altri prodotti ad elevata gradazione alcolica, che vengono comunemente utilizzati nei drinks, lo si può proporre come componente di un “all day cocktail” o di un aperitivo. Le tendenze degli ultimi anni hanno, infatti, portato alla ribalta il Limoncello Spritz che, come variante dell’arcinoto cocktail veneziano, ha deliziato i palati degli appassionati dell’happy hour. Il successo internazionale va alla versione con limoncello, prosecco, soda e foglioline di menta, che regala un momento di freschezza anche nelle estati più torride.

[info_box color=”green” width=”100%” float=”left” text_align=”left”]E questo è il mio consiglio per bere un ottimo Limoncello Spritz a Pompei

[nav][tab1]Hcca24[/tab1][tab2]Open Bar[/tab2][tab3]Invidia[/tab3][/nav][tabs_content][tab_content1]Famoso Full Enjoy Bar che ha il suo punto di forza nella grande varietà di prodotti e servizi che offre ai clienti. Il locale è aperto 24 ore su 24 ed è situato al centro di Pompei, nei pressi della stazione F.S.  Pagina Facebook[/tab_content1][tab_content2]piccolo ma accogliente bar di Via Roma, nasce dall’idea di un gruppetto di giovani imprenditori e ha fatto della cordialità dei gestori/barmen un ottimo motivo per frequentarlo. Pagina Facebook[/tab_content2][tab_content3]attività avviata di recente e già tra le preferite dai cittadini pompeiani. Noto soprattutto per l’organizzazione di eventi musicali, il lounge bar si trova a pochi passi da Piazza Bartolo Longo. Pagina Facebook[/tab_content3][/tabs_content] [/info_box]

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vademecum Pompei banner

PRIMA DI ANDARE VIA, PRENDI IL TUO REGALO!

EBook: Vademecum del Turista Perfetto per Pompei
L'indispensabile raccolta di informazioni e suggerimenti che DEVI sapere per organizzare la tua visita agli Scavi di Pompei

Riceverai tra poco una mail con il tuo omaggio.

 Se non ricevi la mail entro 10 minuti controlla nella cartella SPAM o PROMOZIONI del tuo account di posta.